Month: Settembre 2021

Estate 2021, così gli italiani hanno riscoperto la campagna

L’agriturismo è senza dubbio il protagonista delle vacanze italiane datate 2021. La stagione estiva, infatti, è stata significativamente migliore rispetto all’anno scorso, e addirittura più positiva di quella del 2019 (in epoca ancora pre Covid). Senza dimenticare che, sempre nel 2021, le prenotazioni sono continuate per tutto il mese di settembre, con un deciso allungamento della stagionalità. “Certo parlare dell’altra faccia del Covid è esagerato, ma registriamo una vera e propria riscoperta delle vacanze in campagna, con gli ampi spazi, i ritmi, il contatto con la natura, le atmosfere familiari ed il buon cibo. Tocca ora riuscire a cogliere questa opportunità contribuendo, con le nostre offerte uniche, alla promozione dei territori rurali, una ricchezza nazionale da valorizzare di più” ha detto Augusto Congionti, presidente di Agriturist, facendo un bilancio dell’estate e delineando le prospettive per il settore.

Nuovi modi di viaggiare

La pandemia ha inevitabilmente cambiato la modalità di fare vacanza degli italiani, che hanno preferito seguire le regole di distanziamento, evitando le mete considerate troppo affollate. Di conseguenza, sono cambiati anche i comportamenti relativi alle prenotazioni: meno booking last minute, soggiorni più lunghi e maggiore attenzione alla sicurezza. A riscoprire le vacanze rurali, oltre alle famiglie con bambini, sono stati i giovani, tantissimi, che hanno optato per strutture vicine al mare o per location in grado di offrire percorsi esperienziali per vivere appieno e in modo inedito la loro vacanza. Secondo i dati Agriturist, le presenze italiane nelle 24.000 strutture hanno raggiunto circa il 70%, con un picco del 90% ad agosto, mentre il restante 30% di presenze è rappresentato dalla clientela straniera. 

Le mete preferite da italiani e stranieri

A seconda delle mete, si registrano tendenze opposte. Ad esempio città d’arte come Venezia, Verona, Vicenza e Padova hanno richiamato molti stranieri, mentre Belluno è stata affollata di italiani. Buono il bilancio estivo della Toscana, e ottimi risultati si sono registrati in Piemonte, con la presenza di un gran numero di turisti stranieri “di prossimità”, mentre gli italiani hanno prolungato la permanenza di qualche giorno. Stagione più che soddisfacente anche in Liguria, con una quota maggiore di turisti in arrivo dall’Est Europa, e anche il Lazio ha registrato un trend positivo, soprattutto vicino ai laghi dove prevalgono le presenze straniere e nella Maremma laziale, e bene anche per le strutture che offrono attività di ristorazione nelle vicinanze di Roma. Non si arresta l’appeal della Puglia, che si conferma regina dell’estate: già a metà maggio il 70% dei turisti italiani aveva scelto questa destinazione, che ha registrato il tutto esaurito anche per il mese di settembre. Ottimi i risultati dell’Alto Adige, che continua a registrare “full booked”. Superiore alle aspettative l’andamento della stagione in Umbria e nelle Marche. Bene la Calabria, così come l’Emilia Romagna, l’Abruzzo e il Friuli.

Ritorno a scuola, quest’anno gli zaini si acquistano online

Il nuovo anno scolastico è iniziato, e le famiglie hanno attrezzato i propri figli per l’inizio delle lezioni. Se la tipologia di ricerche online per gli acquisti scolastici sembra voler mettere la pandemia alle spalle, un dato conferma un trend in forte ascesa: quello di utilizzare l’e-commerce come canale privilegiato da parte dei genitori italiani per dotare i figli di tutto il necessario per la scuola. 
Gli acquisti in rete ormai sono infatti considerati affidabili, economici e comodi: si sceglie seduti sul divano di casa per farsi recapitare il pacco in tempi brevi. E tra acquisti online di zaini, diari, astucci emerge una grande voglia di normalità e di ritorno a scuola in presenza.

Diari, zaini e astucci conquistano la classifica delle ricerche online

Sono seicentomila gli zaini acquistati su Amazon per questo ritorno a scuola ancora segnato dagli strascichi della pandemia. Un dato, questo, che rende al meglio l’idea di un ritorno a scuola in presenza. Nella classifica delle ricerche per gli acquisti online più in voga fra il mese di agosto e l’inizio di settembre i diari per la scuola si piazzano all’11° posto della classifica generale dei prodotti più venduti online, seguiti dagli zaini, al 14° posto, e dagli astucci, al 31° posto. Si tratta di prodotti che nel 2020 erano in fondo alla classifica, o nel caso degli zaini, neanche comparivano. A calare è invece l’acquisto di mascherine. Un anno fa erano al terzo posto oggi scendono al 24°.

Non solo prodotti per la scuola

Ma oltre ai prodotti per la scuola, cosa si vende online? Grazie all’analisi compiuta su Amazon è possibile analizzare la top ten delle ricerche più frequenti sulla piattaforma, ovvero i prodotti che precedono proprio i diari, saliti fino all’undicesima posizione.
E al primo posto si piazza una nuova moda, quella dei “pop it”, il gioco antistress del momento. A seguire, nell’ordine, smartwatch, cuffie bluetooth, calzature Birkenstock da donna, e monopattini elettrici, in forte crescita. Al sesto posto si posiziona Xiaomi, il produttore di smartphone, seguito dalla playstation Sony, e dalle ricerche generali con parola chiave “smartphone”. Gli ultimi due posti della top ten sono occupati dalla ricerca di iPhone 12 e quella di friggitrici ad aria.

Cinque consigli per i venditori per sfruttare il periodo del back to school

Come sfruttare al meglio il periodo del back to school? Il blog di Marketplace Mentor offre cinque consigli proprio per i venditori. Il primo è quello di compiere l’analisi del settore alla ricerca dei prodotti top seller. Nella propria vetrina virtuale, infatti, conviene avere gli oggetti più di moda nel periodo scolastico. Essenziale poi è ottimizzare keyword e catalogo prodotti, oltre a incrementare e personalizzare l’advertising: dal Pay per Click alle campagne più specifiche, tutto deve catturare l’attenzione di studenti e genitori.La gestione delle spedizioni e dei resi gioca poi un ruolo molto importante, così come la costruzione di una strategia multi-goal, creando campagne pubblicitarie con finalità diverse a seconda del periodo promozionale. Questo, per intercettare gli utenti nel momento giusto.

Bonus Rottamazione TV, nella prima settimana è boom di vendite

Lo scorso 23 agosto è entrato in vigore il decreto interministeriale sul Bonus Rottamazione TV, che ha come obiettivo quello di incentivare l’acquisto di nuovi TV e decoder in vista dell’annunciato switch-off, ovvero il passaggio ai nuovi standard di trasmissione (MPEG4, DVBT-2/HEVC). Il Bonus consente di ottenere uno sconto direttamente in cassa, in negozio e online, pari al 20% del prezzo d’acquisto, e fino a un massimo di 100 euro, purché l’acquirente sia in regola con il canone RAI e conferisca un vecchio televisore da rottamare. E nella prima settimana di validità dell’incentivo statale per l’acquisto di apparecchi compatibili con il nuovo digitale terrestre, si è registrato un vero boom di vendite di televisori, con oltre 164.000 unità vendute.

Una crescita del +122% per i televisori

Secondo le rilevazioni GfK Market Intelligence questo incentivo ha infatti avuto un effetto immediato sulle vendite: nella prima settimana di validità del Bonus TV, quella compresa tra il 23 e il 29 agosto 2021, sono stati venduti più di 164.000 televisori, con una crescita pari al +122% a unità rispetto alla stessa settimana del 2020. Il trend è decisamente positivo anche se si confronta il dato della settimana analizzata (la settimana 34) con la media delle settimane da inizio 2021. In questo caso la crescita è stata pari al +120%.

Il Campionato italiano di calcio spinge l’acquisto di nuovi dispositivi

Nonostante il mese di agosto non sia tradizionalmente un momento di picco per le vendite di tv un numero consistente di italiani ha deciso quindi di approfittare subito delle agevolazioni statali. Da un lato, potrebbe essere una scelta legata al timore di perdere il Bonus, che pure sarà in vigore fino al 31 dicembre 2022, salvo esaurimento fondi. Un altro elemento che potrebbe aver convinto molti italiani ad acquistare subito un nuovo dispositivo è il Campionato italiano di calcio, iniziato ufficialmente il 21 agosto. Con l’acquisizione da parte di DAZN dei diritti per la trasmissione delle partite di Serie A, in molti hanno deciso di sostituire il proprio televisore tradizionale con una Smart TV, in grado di trasmettere contenuti in streaming.

In una settimana +114% di unità vendute

Infatti, i dati GfK indicano che già la settimana precedente l’entrata in vigore bel Bonus TV, ovvero quella compresa tra il 16 e il 22 agosto 2021, aveva registrato un trend positivo, con una crescita delle vendite a unità pari al +17,3% rispetto allo stesso periodo del 2020. La crescita si è poi ulteriormente rafforzata la settimana successiva. Confrontando il numero di unità vendute nella settimana 34 (quella dell’entrata in vigore del Bonus) con la settimana 33 si rileva infatti un incremento pari al +114%.