Month: Giugno 2020

In crescita le truffe online legate alle superofferte di smartphone

Sembrano offerte allettanti sull’acquisto degli ultimi modelli dei cellulari più desiderati, ma nascondono vere e proprie truffe ai danni degli utenti. Secondo i dati dei ricercatori di Avast, la società di antivirus, negli ultimi mesi questo tipo di trappola online ha avuto un notevole aumento a livello globale. Complice dell’impennata l’uso da parte dei truffatori della tecnica Seo (Search Engine Optimization), che permette l’indicizzazione e il posizionamento di un’informazione o contenuto di un sito web sui motori di ricerca. La visualizzazione dei siti fraudolenti viene quindi posta tra i primi risultati. E grazie a queste e ad altre tecniche, come l’inserimento di recensioni false e l’estrema cura nella grafica dei siti fraudolenti, spesso associati a brand famosi, i truffatori sono riusciti ad adescare un gran numero di vittime: circa 4 milioni e mezzo nel mondo.

In Italia, 140 mila utenti caduti nella trappola

Secondo i dati di Avast i principali bersagli sono gli utenti polacchi, brasiliani e francesi, ma anche gli italiani, che con circa 140 mila utenti minacciati si collocano a metà della classifica mondiale.

Il copione della truffa è sempre lo stesso, riporta Askanews. L’utente “viene attirato sul sito fraudolento grazie all’ottima indicizzazione sui motori di ricerca, e dopo aver compilato un falso questionario che chiede di rispondere ad alcune domande, si ritrova vincitore di uno degli ultimi e costosissimi modelli di smartphone – spiegano gli esperti di Avast -. Per ricevere il premio basterà compilare un format con le informazioni di contatto e pagare un prezzo simbolico di pochi euro”.

Fornire le proprie informazioni personali e di credito a siti fake

Ed ecco compiersi la truffa: l’utente non solo non riceverà mai lo smartphone desiderato, ma avrà fornito ai cybercriminali le proprie informazioni personali e di credito. A differenza delle campagne di phishing, “più facili da riconoscere e analizzare grazie al codice sorgente – continuano gli esperti – questo tipo di truffe che usano siti fake possono fornire agli aggressori non solo le credenziali degli utenti, ma anche dei ricavi economici”.

Un’offerta che sembra troppo bella per essere vera

Non è tutto. Molte di queste campagne riescono a eludere il controllo dei software antivirus perché dirottano gli utenti su diverse pagine prima di mostrare il contenuto malevolo. Gli esperti di Avast ricordano che “se si cerca online qualcosa di specifico e ci si imbatte in un’offerta che sembra troppo bella per essere vera, probabilmente non lo è. È necessario quindi fare attenzione a non condividere le proprie informazioni finanziarie online, e non farsi allettare da offerte economiche troppo basse per essere vere. In generale poi, l’utilizzo di un buon software antivirus è comunque fondamentale per proteggersi da queste e altri tipi di minacce online”.

Aeroporti in crisi, persi 45 milioni di passeggeri in tre mesi

Secondo dati Assaeroporti a marzo gli scali italiani hanno perso 12 milioni di passeggeri, ad aprile 16 milioni, e a maggio, stando alle prime proiezioni, 17 milioni.

In tre mesi il sistema aeroportuale nazionale registra quindi una contrazione di 45 milioni di passeggeri rispetto a un anno fa.

“I provvedimenti finora adottati dal Governo per far fronte alla situazione di profonda crisi derivata dall’emergenza sanitaria da Covid-19 hanno completamente trascurato i gestori aeroportuali, costretti a chiedere la cassa integrazione per oltre 10.000 dipendenti delle società di gestione”, denuncia l’associazione di categoria. Che ravvisa nei dati “il peggior calo di sempre”.

Scali di minori dimensioni a rischio sopravvivenza

“Siamo in presenza di tre mesi di blocco totale del trasporto aereo –  afferma il presidente di Assaeroporti Fabrizio Palenzona -. Le prossime settimane saranno decisive per porre le basi della ripartenza di un settore strategico per il nostro Paese”.

La crisi sta avendo un forte impatto sul settore, e rischia di compromettere la realizzazione dei piani di investimento previsti per lo sviluppo del sistema aeroportuale nazionale.

“Alcuni scali, soprattutto quelli di minori dimensioni che svolgono un ruolo importante per lo sviluppo dei territori e per la mobilità di cittadini e imprese, sono a rischio sopravvivenza – sottolinea Assaeroporti -. Migliaia di posti di lavoro sono in pericolo così come un’enorme fetta dell’indotto turistico”.

I comparti turistico e aeroportuale muovono complessivamente circa il 17% del PIL nazionale, e senza adeguati interventi di sostegno, sostiene Assaeroporti, “le ricadute si profilano drammatiche”.

Rilanciare Alitalia? Si, ma non a costo di misure protezionistiche

Assaeroporti accoglie favorevolmente la scelta di rilanciare Alitalia, ma sottolinea fermamente “come l’eventuale adozione da parte del Governo di misure protezionistiche e selettive, tese a disincentivare la presenza di compagnie low cost nel nostro Paese, determinerà un cambio di scenario e il ritorno a un trasporto aereo d’elite”.

Una circostanza negativa, riporta Italpress, già verificata 15 anni fa, quando, con la legge sui requisiti di sistema, “si tentò di salvare Alitalia con i risultati nefasti che sono sotto gli occhi di tutti – conferma l’associazione -. A maggior ragione oggi che Alitalia rappresenta, rispetto ad allora, non il 50% del traffico passeggeri, ma circa il 13% del totale, si corre solo il rischio di danneggiare pesantemente il trasporto aereo nel suo complesso”.

“Assicurare un mercato concorrenziale e garantire la mobilità di passeggeri e merci”

Per questo l’Associazione degli aeroporti italiani chiede al Governo “di assicurare un mercato concorrenziale che garantisca la mobilità di passeggeri e merci. Quello del trasporto aereo è un settore determinante per la ripresa socio economica dell’Italia, che deve essere sostenuto attraverso misure a favore dell’intera filiera. In particolare – continua Assaeroporti – occorre mettere a disposizione delle imprese aeroportuali risorse accessibili, attraverso la creazione di un fondo dedicato, che compensi i gestori e gli altri operatori del settore per i danni subiti e consenta di ripartire guardando al futuro, preservando i livelli occupazionali e garantendo la realizzazione degli investimenti”.