Month: giugno 2019

Italiani, tra gli europei sono tra i meno preparati in Gdpr

L’Italia fanalino di coda in materia di Gdpr. Il nostro Paese, con la Grecia e il Belgio, è tra i Paesi della Ue dove si registra minor consapevolezza sull’esistenza del Regolamento generale della protezione dei dati (Gdpr). Non consola, a questo proposito, constatare che la Francia fa peggio di noi. I dati in merito al regolamento, a un anno dalla sua entrata in vigore, sono raccolti in un Eurobarometro diffuso dalla Commissione europea, in occasione del primo anniversario del debutto del regolamento stesso.

Nel Nord Europa i cittadini più informati

Non stupisce neanche tanto che gli europei più informati in materia di protezione dei dati siano quelli dei Paesi del Nord. Le nazioni dove i cittadini sono maggiormente consapevoli sono Svezia (90%); Olanda (87%); Polonia (86%); Cechia (85%) e Slovacchia (83%). Nella parte finale della graduatoria si trovano invece: Grecia e Cipro (58% ciascuno); Belgio (53%); Italia (49%); e Francia (44%).

Ma più di 1 su 2 sa che c’è un’autorità responsabile della protezione dei dati

Più di un cittadino europeo su due (il 57% per l’esattezza) è a conoscenza che nel proprio Paese c’è un’Autorità responsabile per la protezione i loro diritti sui dati personali: il 20% in più rispetto a febbraio 2015.

La consapevolezza è “un segnale molto incoraggiante”

Il fatto che i cittadini europei sappiano dell’esistenza del Gdpr e dei relativi organismi “è un segnale molto incoraggiante. Quasi sei persone su dieci sanno che esiste un’autorità per la protezione dei dati personali nel loro Paese. E’ un aumento significativo rispetto al 2015, quando erano quattro persone su dieci. Il Gdpr fornisce alle autorità gli strumenti per combattere le violazioni. In un anno, il neo-costituito comitato europeo per la protezione dei dati ha registrato oltre 400 casi transfrontalieri in Europa. E questo conferma il vantaggio supplementare offerto dal regolamento, poiché la protezione dei dati non si ferma ai confini nazionali”, hanno sottolineato in una dichiarazione congiunta il vicepresidente della Commissione europea al Mercato unico digitale Andrus Ansip e la responsabile della Giustizia Vera Jourová.

L’importanza della normativa anche fuori dall’Europa

Ansip e Jourová sottolineano inoltre come la nuova normativa sia fondamentale per combattere le violazioni: “ In un anno il neo-costituito comitato europeo per la protezione dei dati ha registrato oltre 400 casi transfrontalieri in Europa. E questo conferma il vantaggio supplementare offerto dal regolamento, poiché la protezione dei dati non si ferma ai confini nazionali”. Tanto che le linee guida del Gdpr rappresentano un  modello per nuove leggi sulla privacy in diversi paesi del mondo.